ilariola-TUTTI-SCHIAVI-IN-PORTOGALLO-copertina-digitale

Questa è la storia di Marta, una ragazza italiana espatriata a Lisbona. O vogliamo dire “fuggita”?

A Marta piacerebbe fare la stilista, ma in Italia non aveva prospettive e ha colto al volo la prima occasione lavorativa offertale dal caso: un posto dentro a uno dei vari call center della capitale portoghese.

La sua vita procede lenta e solitaria, tra gli inconvenienti del lavoro e i problemi di convivenza “forzata” con altre persone, all’interno della casa pagata dall’azienda, finché non si imbatte in Josh, turista americano in cerca di avventure.

Attraverso un ritorno in Italia e alcune riflessioni durante il periodo trascorso con la sua famiglia, Marta capisce di essere già cambiata da quando si è trasferita a Lisbona, dove ritorna anche un po’ controvoglia, poiché è preoccupata per la salute della madre.

[…]

Ho omesso volontariamente alcune parti della trama, poiché sono io la prima a non amare gli spoiler. Dirò solamente che la nostra protagonista attraversa due momenti realmente tragici della sua vita, che la mettono di fronte a un’idea diversa del futuro, e la spingono a rimettersi in gioco.

Le sue passeggiate nella suggestiva cornice di Lisbona, e i contatti con i vari personaggi reali e inventati, la vedono al centro di un dilemma che accomuna tanti ragazzi espatriati: “cosa faccio qui? quali sono i miei obbiettivi? qual è il mio futuro?”

Un bel messaggio, positivo anche se sofferto, arriva da questa narrazione: il fatto di ricominciare la propria vita in un luogo lontano dalla propria patria di origine, scontrarsi con realtà scomode e differenze culturali e linguistiche, ci può arricchire ma anche indurire il nostro carattere. Un altro punto che viene evidenziato, in comune a tanti espatriati, è la solitudine iniziale e l’impressione di non avere alcun punto di appoggio in caso di difficoltà.

Marta ci insegna a fare tesoro del nostro tempo, insieme all’inventore di macchine dell’Lx Factory: è un messaggio importante per tutte le persone che partono con un sogno e che poi, per vari motivi, si accontentano di essere appagati solo in parte da quello che fanno, ma non lo sono realmente in fondo alla loro anima.

 

 

Facebooktwitterpinterestlinkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *